.NET 3.5 SP1… molto più di un Service Pack


Da poco è stata rilasciata la Service Pack 1 del framework .NET 3.5.  Sebbene sia presentato come Service Pack in realtà introduce una mole di novità forse maggiore di quelle presenti nel passaggio dalla versione 3.0 alla 3.5 (però non si poteva chiamarlo 4.0 perchè è in relazione a OSLO e 3.6 era effettivamente brutto :-))

Le maggiori notivà sono :

1) ADO.NET Entity Framework : una evoluzione di ADO.NET per l’accesso ai dati. L’ Entity Framework è costituito da un insieme di servizi per consumare un Entity Data Model all’interno delle proprie applicazioni (Entity SQL, LINQ to Entities)

2) ADO.NET Data Services : consumare i propri dati direttamente tramite WCF. Sviluppo facilitato dei data-centric services confunzionalità CRUD, paging, sorting e filtering. Supporto a SOAP e REST

3) ASP.NET Dynamic Data : maggiore supporto allo sviluppo di quelle funzionalià comuni a (quasi) tutte le applicazioni fornendo un insieme di pagine e controlli già pronti per operazioni CRUD su un data model che andremo a specificare. Questo modello aiuta a disaccoppiare il concetto di dati da database…“Data” != “Database”.

4) Miglioramenti ad ASP.NET soprattutto nell’area della applicazioni AJAX (AJAX History, AJAX Scripting Combining, Intellisense…)

5) ASP.NET MVC : Model View Controller è un pattern architetturale che permette di disaccoppiare il modello dei dati di business dalla logica di presentation. Questa in realtà è presente come Technical Preview 5 su codeplex.

6) Miglioramenti a WPF soprattutto nelle performance: Cold start (con un boost fino al 40%), supporto diretto di Hardware-accelerated bitmap effects, Extensible Shader Effects API, DirectX interop. Successivamente a questa SP verranno rilasciati nuovi controlli come ad esempio il Datagrid e Ribbon in WPF.

7) .NET Framework Client Profile : sott’insieme del framework (circa 26MB) per il deployment di applicazioni client dove non è presente il framework .NET. Sfruttando l’aggiornamento dell’ SP1 di Visual Studio 2008 sarà possibile configurare l’opzione direttamente dall’IDE.

 

image

Infine non poteva mancare il nuovo Training Kit sulle novità della SP1

image

 

Infine, consiglio di dare un’occhio a questo Webcast dove Pietro Brambati fa una breve carrellata delle novità introdotte dalla SP1.

–Mario

 

Skip to main content